E-Learning: i migliori software del 2020 per fare webinar, corsi e lezioni online

In questo periodo di quarantena, stiamo ricevendo tante richieste di informazioni su quali software utilizzare per fare webinar e lezioni online. In questo articolo vedremo quelle che, a nostro avviso, sono le 5 migliori soluzioni, sia gratuite che a pagamento.

In questo articolo, vedremo i migliori software commerciali e non, per fare webinar, lezioni e corsi online utili per continuare l’attività formativa di scuole, università ed enti privati, anche in questo periodo di quarantena. Vi consigliamo di utilizzarli in abbinamento con le piattaforme e-learning, così da offrire un’offerta formativa più completa.

Prima di iniziare, tre precisazioni:

  1. l’analisi comparativa è stata realizzata ad aprile 2020;
  2. la nostra “classifica” non è condizionata da partnership, accordi commerciali e altri tipi di interessi. In sostanza: sui software consigliati noi non abbiamo alcun ritorno/guadagno!
  3. nell’articolo non abbiamo menzionato software utili a fare meeting (come, ad esempio Google Meet o Skype), ma solo sistemi in grado di gestire la lezione come se avvenisse in aula.

Di seguito la nostra selezione, in ordine di qualità/preferenza. Alcuni software sono molto noti, altri meno, ma ti assicuro che tutti hanno un’ottima qualità.

In tutti i casi, sono inclusi gli strumenti di condivisione dello schermo del docente, possibilità di gestire l’interazione con i discenti e il supporto ai principali sistemi operativi per dispositivi fissi e mobili (Windows, Mac OS, Android e iOS).

GoToWebinar

GoToWebinar è il sistema di proprietà della LogMeIn che ha tutte le caratteristiche necessarie per simulare una lezione in aula come, ad esempio, possibilità per i partecipanti di prendere la parola o alzare la mano, possibilità di fare domande, etc.

A livello di prezzo, è una delle opzioni più costose. I suoi pacchetti, infatti, partono dalle € 109 e massimo 100 partecipanti, fino a € 499 al mese per 1000 partecipanti. In entrambi i casi i prezzi sono mensili e per un singolo host (ovvero una sola trasmissione in contemporanea).

Pro:

  • possibilità di personalizzazione;
  • report della partecipazione degli studenti e del grado di attenzione;
  • registrazione dei webinar in cloud;
  • stabilità;
  • facilità d’uso;
  • modularità del numero di partecipanti;
  • possibilità di avviare interventi pre-registrati nel webinar;
  • applicazioni per device mobili (iOS ed Android);
  • possibilità di creare webinar ricorrenti;
  • granularità nella gestione dei permessi all’interno del webinar (organizzatore, relatore ed esperto);
  • possibilità di intervenire/ascoltare, anche tramite numero fisso.

Contro:

  • prezzo;
  • non c’è una versione gratuita (al netto di una prova di 7 giorni);
  • l’interfaccia sembra obsoleta e, specie all’inizio, può sembrare un po’ complessa;
  • è necessario scaricare un software sul computer.

Clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Livestorm

Livestorm è un’ottima soluzione per fare webinar. La sua caratteristica è che non è necessario scaricare nessun programma: si può fare tutto all’interno del browser. Un’altra caratteristica positiva è che, con il pacchetto gratuito, è possibile fare webinar con massimo 10 iscritti e per un massimo di 20 minuti. Non è tantissimo, ma per essere gratis, non ci si può lamentare!

A livello di prezzo, la versione che include massimo 10 partecipanti, costa € 99 al mese, con possibilità di fare webinar illimitati.

Pro:

  • non è necessario scaricare alcun programma;
  • c’è una versione gratuita che consente di fare piccoli webinar;
  • registrazione dei webinar in cloud;
  • possibilità di intervenire/ascoltare, anche tramite numero fisso;
  • integrazione con diversi sistemi esterni (come Salesforce, Marketo, Slack, Zapier, etc.);
  • report della partecipazione degli studenti e del grado di attenzione;
  • possibilità di creare webinar ricorrenti;
  • supporto multilingue.

Contro:

  • a volte un po’ instabile;
  • interfaccia web un po’ minimale;
  • sito in inglese;
  • non ci sono le applicazioni per device mobili.

Clicca qui per visitare il sito ufficiale.

WebinarJam

WebinarJam è un sistema non molto conosciuto in Italia, sebbene sia molto facile ed intuitivo.

La possibilità di trasmettere live anche su Facebook e YouTube (senza strumenti di terze parti) e la caratteristica di poter monetizzare i webinar, lo rendono uno strumento unico.

C’è la possibilità di provarlo gratuitamente per 14 giorni, dopodiché è necessario acquistarlo. A differenza di tutti gli altri software, non è possibile fare un pagamento mensile, ma annuale. I pacchetti partono da $ 499, con possibilità di fare webinar illimitati con al più 500 utenti che abbiano una durata massima di 2 ore. Il pacchetto più costoso, da $ 999, consente di fare webinar con 5000 utenti e della durata massima di 4 ore.

Pro:

  • non è necessario scaricare alcun programma;
  • possibilità di personalizzazione della pagina di iscrizione al webinar;
  • registrazione automatica;
  • promemoria via email e/o sms;
  • possibilità di monetizzare i webinar (e le registrazioni);
  • possibilità di trasmettere live anche su Facebook o YouTube;
  • garanzia 30 giorni soddisfatti o rimborsati;
  • economico, ma solo con pagamento annuale.

Contro:

  • non c’è una versione gratuita (al netto di una prova di 14 giorni al costo di $ 1);
  • solo pagamento annuale;
  • sito in inglese;

Clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Daily

Daily è uno strumento poco conosciuto, che ha la caratteristica di essere economico, semplice e veloce da utilizzare. Un’altra caratteristica peculiare è che ha API ben sviluppate e con ottima documentazione, quindi è possibile integrarlo su altre piattaforme (siti web, piattaforme e-learning, etc.) in maniera semplice.

La versione Basic di Daily è gratuita, ma non consente l’accesso alla API e ha un limite di 2000 minuti (calcolati tra tutti i partecipanti), senza possibilità di estensione. Il pacchetto Launch costa $ 9 al mese ed ha la possibilità di espandere i 2000 minuti, pagando $0.004 al minuto. C’è infine il pacchetto più costoso da $ 199 al mese che include 10000 minuti.

Pro:

  • non è necessario scaricare alcun programma;
  • accesso alle API (tranne sul pacchetto gratuito);
  • integrazione su altre piattaforme semplice;
  • versione basic gratuita;
  • semplice da utilizzare.

Contro:

  • registrazione in cloud è prevista solo per il piano da $ 199 al mese;
  • calcolo dei minuti-partecipante un po’ complesso;
  • sito in inglese.

Clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Zoom

Zoom è un ottimo sistema per fare webinar ad un prezzo contenuto. Infatti, il pacchetto più economico che include la possibilità di fare webinar costa € 50,99 al mese.

L’ho inserito come ultima alternativa, non perché sia peggiore degli altri software, ma perché è sotto l’occhio del ciclone per problemi di privacy e di sicurezza.

Pro:

  • versione gratuita per fare meeting (e non webinar) fino a 40 minuti;
  • semplice da utilizzare;
  • ampie possibilità di personalizzazione dei pacchetti;
  • ottimizzazione della comunicazione a seconda del dispositivo e della connessione internet.

Contro:

  • problematiche di privacy e sicurezza;
  • interfaccia spartana e con poche funzionalità;
  • supporta massimo 1000 partecipanti;
  • sito in inglese;
  • una configurazione simile a quella base di GoToWebinar costa € 88 mensili.

Clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Conclusioni

Come immaginerai, non esiste lo strumento ideale per tutti.

Però posso darti qualche consiglio. Se sei una scuola o una università e non hai particolari problemi di budget, ti consiglio GoToWebinar o Livestorm, perché facilitano la gestione dei webinar e delle registrazioni ed sono scalabili. Se invece hai bisogno di uno strumento per fare webinar ma che sia utile anche per fare marketing e per monetizzare le tue videolezioni, ti consiglio WebinarJam. Se hai poco budget e/o hai bisogno di integrare il sistema di webinar su altre piattaforme, ti consiglio Daily. Infine, se la privacy e la sicurezza degli utenti, per te non sono un problema, ti consiglio Zoom.

Se sei interessato all’argomento, potrebbe interessarti anche l’articolo in cui abbiamo analizzato i 4 principali software open source per fare webinar e video lezioni online.