E-Learning: 5 suggerimenti per aumentare la produttività

Quante volte ti è capitato di non avere voglia di far niente, ma, per una serie di motivi, hai dovuto rimandare l’ozio in favore di attività urgenti?! Dinamiche come questa, sono all’ordine del giorno.

La stessa cosa accade anche per la formazione personale, che spesso appare come un carico ulteriore rispetto alle (già tante) attività quotidiane e quindi c’è la tendenza a rimandarla. Si sa, però, che la formazione e lo sviluppo delle competenze sono una parte cruciale della vita professionale di ognuno di noi ed è quindi importante avere un approccio curioso e aperto.

Come si fa a tenere viva la voglia di imparare, in particolare per quanto concerne l’apprendimento online (e-learning)? Vediamo 5 consigli per incrementare la produttività della tua piattaforma e-learning!

Quando si impara meglio?

La nostra attenzione varia durante il corso della giornata e alcuni compiti è meglio svolgergli in determinati momenti piuttosto che in altri. Per esempio, molte persone sono più creative al mattino e più orientate a lavori routinari nel pomeriggio.

La formazione online segue la stessa regola in quanto è possibile fruire dal materiale di apprendimento in qualsiasi momento e luogo. Potrebbe essere necessaria qualche prova per capire qual è il momento giusto, ma ne vale la pena!

Suggerimento: fai in modo che la tua piattaforma e-learning sia ottimizzata per i dispositivi mobili (o addirittura abbia una APP mobile dedicata), così da permettere la fruizione dei contenuti formativi anche da dispositivi mobili (smartphone e tablet).

E-Learning: dove si impara meglio?

La posizione è un’altra cosa da considerare quando si cerca di aumentare la produttività di un sistema in e-learning. Alcune persone sono in grado di concentrarsi anche in ambienti molto rumorosi, mentre altre hanno bisogno di un luogo assolutamente silenzioso. Una delle chiavi per incrementare la produttività dell’apprendimento è la capacità di evitare di essere distratti.

Il comfort è un altro fattore da prendere in considerazione. Idealmente, i fruitori dei contenuti preferiscono stare abbastanza comodi per potersi concentrare sull’apprendimento, ma occhio che, stando troppo comodi, potrebbe sopraggiungere un senso (eccessivo) di relax che comporta una inevitabile distrazione.

Partiamo dal presupposto che una sessione in e-learning può essere svolta ovunque e su qualsiasi dispositivo. E’ quindi importante considerare anche quale dispositivo funziona meglio per la formazione. Ad esempio, uno smartphone può andare benissimo per l’apprendimento in movimento, ma è probabile che i discenti siano distratti da chiamate e messaggi.

Suggerimento: oltre a contenuti online, fornisci anche contenuti offline così i tuoi discenti potranno fruire dei contenuti formativi, anche disabilitato la connessione dati (o Wi-Fi).

Niente multitasking!

Una volta deciso dove e quando i tuoi discenti fruiranno dei contenuti formativi è necessario fare in modo che essi non siano distratti da fattori esterni.

Ad esempio, accedendo alla piattaforma di apprendimento online, qualche utente potrebbe avere la tentazione di andare a sbirciare su Facebook o fare altre attività online! A tal fine, consigliate sempre ai vostri discenti di dedicare del tempo all’apprendimento, così da massimizzare la loro produttività.

Suggerimento: per ogni attività prevista in piattaforma, indicate il tempo necessario per completarla, così che i discenti sappiano per quanto tempo saranno impegni per completare quel determinato task.

Il giusto tempismo

Qualcuno potrebbe pensare che la chiave del successo dell’e-learning è quello di studiare sulla piattaforma per ore ed ore, fino a quando l’obietto non è stato raggiunto. In realtà, questo è profondamente controproducente. Il cervello è come un muscolo: ha bisogno di essere allenato, ma uno sforzo troppo grande finirà solo per affaticarlo troppo.

E’ meglio pianificare più sessioni di e-learning ma di breve durata rispetto a poche sessioni ma di lunga durata. Le attività ed i relativi materiali, quindi, dovranno essere progettati proprio in questa ottica.

Suggerimento: ogni sessione in e-learning dovrebbe avere una durata compresa tra i 15 ed i 30 minuti, al fine di mantenere l’attenzione alta e massimizzare l’apprendimento.

Concediti un caffè…

…una tazza di tè, vai a fare una passeggiata. In altre parole, fai una pausa! Uno dei modi più semplici per aumentare la produttività, è proprio quello di staccare un po’ la spina.

Fare una pausa dopo una sessione di apprendimento, infatti, non è soltanto piacevole, ma anche fondamentale per interiorizzare, elaborare ed acquisire nuove conoscenze.

Suggerimento: segnala agli studenti la cosiddetta tecnica del Pomodoro. Essa consiglia pause brevi e frequenti per intervallare le sessioni di apprendimento. In particolare, ogni 25 minuti di apprendimento, dovrebbero essere seguiti da una pausa di 5 minuti.

Conclusione

La chiave per migliorare la produttività e-learning è quello di incoraggiare i vostri studenti a creare la propria “Zona di apprendimento”. Essa è caratterizzata da un orario, un luogo, una posizione, un dispositivo e dei momenti dedicati alla propria formazione personale. Una volta che tutti questi fattori saranno messi a sistema, diventando una abitudine, vi assicuro l’approccio all’e-learning risulterà molto più piacevole e performante.

Se hai apprezzato questo articolo, ti consiglio di leggere anche 9 suggerimenti per coinvolgere attivamente i tuoi studenti.

Fonte: TalentLMS